brunitura metalli

processo di brunitura per proteggere dalla corrosione

strumenti brunitura

La brunitura dei metalli è un trattamento chimico per l’annerimento di particolari in ferro e acciaio al carbonio. Si presenta con un colore nero-bluastro lucido oliato (es. canna da fucile), non comporta riporti di spessore ed in genere viene utilizzato per migliorare l’aspetto estetico dei pezzi lavorati, oltre a proteggere dalla corrosione al riparo dagli agenti atmosferici (le norme UNI non quantificano la resistenza in nebbia salina di questo trattamento). Il trattamento di brunitura può essere effettuato a barile o statico a seconda della conformità dei pezzi e/o delle esigenze dei clienti).
I pezzi di metallo vengono normalmente consegnati oleati (può eventualmente essere asportato l’olio utilizzato dalla ditta e sostituito con altri prodotti, cere, vernici o olii di tipo diverso).

Brume srl è attrezzata anche per effettuare la brunitura secca (senza emulsione oletosa) ma utilizzando un passivante antiossidante specificatamente studiato per la protezione temporanea dei particolari metallici. Il peso massimo trattabile per pezzo è di 450 kg.

La vasca di brunitura è lunga 3 metri ma per pezzi con lunghezza superiore a un metro è sempre necessario un consulto con l'ufficio tecnico per verificarne la fattibilità in base alla conformazione dei pezzi. Lo stabilimento di Brume srl è anche attrezzato per effettuare un lavaggio post trattamento qualora fossero presenti fori ciechi.

Il confezionamento salvo accordi specifici viene realizzato nello stesso modo nel quale pervengono i pezzi (sfusi, disposti in alveari, risistemati secondo le indicazioni del Cliente, con pluriball, rete ecc….). Gli addetti di Brume sono disponibili ad emettere attestazione della conformità del trattamento effettuato.

Share by: